mercoledì 28 giugno 2017

RIESLING VIDEO-SCHULE 29

In attesa del resoconto sulla quinta Rieslingata estiva, ecco a voi un video (4 minuti, in inglese) su Koehler-Ruprecht, azienda del Pfalz autrice di alcuni tra i più intriganti e complessi Riesling tedeschi, prima con il mitico Bernd Philippi, ora con Dominik Sona. Il video è stato realizzato prima della polemica fuoriuscita dell'azienda dalla V.D.P.
Buona visione.


domenica 11 giugno 2017

BADSTUBE

Torniamo a Dr. Thanisch-ErbenThanisch (ne avevamo già parlato, ad esempio, qui e qui) con un Berkasteler Badstube, denominazione di un Grosslage. In generale il termine indica un'area vitata che raggruppa alcune singole vigne e che non ha limiti di superficie; alcuni si estendono addirittura su più comuni con significative variabilità di suoli ed esposizioni.
Dunque in genere è meglio evitarli, i Grosslage, ma il Badstube (nome che ci ricorda l'antica presenza di bagni termali romani nell'area), che raggruppa sei singole vigne di Bernkastel, è tra quelli più piccoli ed omogenei e che hanno mantenuto un livello qualitativo medio di buon livello, persino con qualche punta di eccellenza.

La parte di B. Badstube confinante con il mitico Doctor
Come è il caso di questo kabinett della vendemmia 2014, annata che in Media Mosella è stata segnata da piogge ed alte temperature a inizio ottobre, soprattutto fra il 7 e l'8, che hanno complicato le operazioni di raccolta, costringendo le aziende ad essere rapide (ci sono stati pochi giorni buoni per raccogliere e andavano sfruttati al massimo, motivo per cui Thanisch ha ampliato il numero abituale dei vendemmiatori) e molto selettive.
Alla fine in casa Thanisch - 30% di rese medie, ma una batteria di tutto rispetto.



Berkasteler Badstube kabinett 2014 – Dr. Thanisch/Erben Thanisch
Naso di mandorla, pesca ed erbe aromatiche (anice, finocchietto). La bocca attacca cremosa, poi si sviluppa leggiadra e sottile, con finale armonico e rinfrescante. Vino molto ben calibrato; leggero, sì (come dovrebbe essere un kabinett classico), sottile, ma non ossuto e tagliente. Semplicemente da bere a secchiate. Vino che oltretutto promette un buon potenziale di invecchiamento, pur essendo già oggi molto godibile.


lunedì 29 maggio 2017

RIESLING VIDEO-SCHULE 28

Il German Wine Institute ci porta in Rheingau, una tra le regioni più stimolanti da sempre per la produzione di Riesling trocken. Video dal taglio istituzionale, in inglese. Dura tre minuti.
Buona visione.


lunedì 8 maggio 2017

PODERI COLLA

I Colla sono una famiglia di lunga tradizione vitivinicola (vignaioli da inizio '700), anche se l'azenda, così come la conosciamo oggi, nasce nel 1994 e – pur essendo maggiormente nota per i suoi Barolo e Barbaresco - è tra gli esponenti del rinascimento rieslingoso italiano.
Le vigne di riesling dei Colla si trovano nelle Langhe vere e proprie, infatti il vino proviene da un impianto del 1987 (Cascine Drago-San Rocco Seno d'Elvio-Alba, 350 metri slm, esposizione est-nord est) e da un altro del 2009 a Barbaresco (cru Roncaglie, 240 metri slm, esposizione ovest).


Langhe Riesling 2014 – Poderi Colla
5.700 bottiglie. Fermentazione in acciaio.
Il naso si esprime su un versante freddo-minerale (rocce bagnate, pietra focaia), con toni “verdi” di erbe aromatiche; bocca dal profilo sottile e fresco, semplice e lineare, solo con acidità ancora un po' “cruda”. Semplicità e bevibilità racchiuse in una buona bottiglia.